La nostra storia

Nella convinzione che sia necessario dar spazio ai partiti moderati, come il nostro, Alleanza Democratica si propone di far fronte alla grave situazione di paralisi, che da parecchi anni blocca l’Italia, collocandosi nel quadro più ampio di una crisi economica internazionale.

 

Basandosi su proposte ragionevoli, che diano risposta ai problemi insoluti del nostro Paese, come quello dell’ingovernabilità, il nostro partito, che si fonda sulle ragioni della democrazia e della pace, parte dalla necessità di risolvere in prima istanza i conflitti etico-sociali che attraversano la nostra società. 

 

La crisi esiste per la caduta di modelli, ideali e motivazioni, che ha provocato ripercussioni sia a livello nazionale che internazionale. Perciò nasce Alleanza Democratica, un partito per la libertà. Ma anche per la solidità e la sicurezza, dove l’esperienza umana e l’individuo sono ricollocati al centro di tutto. Passione politica ma anche impegno sociale, azione, muovono l’attività del partito e dei suoi aderenti, uniti in un comune progetto di riforma strutturale del Paese.

 

Breve durata media dei governi, aumento della conflittualità tra gli schieramenti, allungamento dei tempi di campagna elettorale, a danno dell’attività legislativa, aumento esponenziale dei partiti. Contro queste e altre criticità del sistema politico italiano, combatte Alleanza Democratica. E per farlo concretamente, propone un sistema proporzionale maggioritario che rispecchi il modello tedesco.

 

Contro l’attuale bipolarismo imperfetto, che ha messo il nostro Paese in una rischiosa posizione di emergenza, provocando la crescita dell’astensionismo alle urne, Alleanza Democratica propone un modello politico nuovo in grado di rispondere alle esigenze degli italiani. Per limitare quel distacco sempre maggiore, che divide i cittadini dalle istituzioni, e quel senso di sfiducia nei confronti dello Stato che dovrebbe rappresentarli.

 

In Italia, infatti, il senso di disaffezione della comunità rispetto al sistema democratico è ormai forte e diffuso. E le forze politiche nel loro immobilismo non hanno fatto altro che aumentarne il distacco dalle istituzioni. Molti, sull’onda del qualunquismo, hanno cercato consensi candidandosi a gestire la cosa pubblica, ma senza offrire risposte valide ai problemi collettivi, che attraversano le categorie sociali. Per questo è indispensabile muoversi su binari che traccino il più ampio consenso possibile nel Paese, evitando instabilità e frammentazione.

 

Alleanza Democratica si batte perché valori come coraggio, onestà, umiltà siano i pilastri su cui costruire le basi di una società più solida e giusta, fondata su princìpi cristiani non negoziabili.

Il nostro partito è una forza democratica, compatta, unita, che ha lo scopo di interpretare questa società in continua evoluzione, per dare risposte efficaci ai cittadini e restituire loro fiducia nel futuro.

È arrivato il momento di affidare la politica nelle mani di uomini veramente appassionati, spinti dalla voglia di fare per il bene collettivo, senza scopi di lucro o interessi personali che nuocciono alla società. 

Uomini che non confondano mai il soffio dal vento della libertà.