Lavoro

All’articolo 1, la nostra Costituzione recita: L’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Quello del lavoro è un diritto che deve essere garantito a tutti: a coloro che già lavorano, affinché vivano un presente stabile e si dirigano verso un futuro pensionistico sereno, ma anche alle giovani generazioni perché non guardino il mondo del lavoro da lontano ma ne facciano parte da protagonisti, resistendo ad ogni scossone economico e pianificando un solido avvenire familiare e abitativo.

 

Compito delle istituzioni è quello di stimolare e agevolare  l’incontro tra domanda e offerta, con particolare riguardo al contesto giovanile e a quello femminile. In tal senso, le Regioni devono modificare radicalmente la politica relativa alla formazione professionale, prerogativa degli stessi enti regionali, finalizzandola alle esigenze delle imprese e del mercato.

 

Inoltre, le norme relative all’ingresso nel mondo del lavoro necessitano, soprattutto in questo grave momento di crisi, di una sostanziale e concreta semplificazione che le renda più duttili e funzionali al superamento delle difficoltà economiche e della precarietà in tutte le sue declinazioni.